2˚ Concorso di POESIA ANMIL, “LAVORO INSICURO: RIFLESSI NEGLI SGUARDI DELLE DONNE” - Scade il 21 luglio 2017
In occasione della Giornata della Donna l’ANMIL (Associazione Nazionale fra lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) ha lanciato una nuova iniziativa volta a sensibilizzare cittadini, istituzioni e media sul tema degli infortuni sul lavoro al femminile e sul mondo delle donne lavoratrici dando spessore all’impegno e al ruolo dell’Associazione a sostegno delle problematiche di genere.

Si tratta di un Concorso nazionale di poesia dal titolo “Lavoro insicuro: riflessi negli sguardi delle donne” che invita a produrre componimenti che abbiamo per protagonisti le donne e gli infortuni, attraverso i quali traspaiano le difficoltà e le conseguenze causate da un infortunio o da una malattia professionale nella vita quotidiana, sociale e lavorativa di una donna e dei suoi familiari.
Agli autori dei componimenti vincitori verranno riconosciuti targhe e premi in danaro secondo una Giuria composta da personaggi autorevoli del mondo della cultura, dell’arte e del sociale (1° premio di € 1.500; 2° premio di € 1.000; 3° premio di € 500), ma anche in base al pubblico della rete, che potrà esprimere il proprio voto attraverso il sito dell’ANMIL decretando il vincitore di un premio Web del valore di € 300.
La chiusura del Concorso è stabilita per il giorno venerdì 21 luglio – data ultima per l’invio delle poesie – mentre la premiazione avverrà a dicembre 2017.
Per maggiori informazioni visitare la pagina dedicata sul sito www.anmil.it oppure chiamare il Numero Verde 800.180943.
www.anmil.it/Portals/0/Iniziative/Giornata%20della%20Donna/2017/6.Bando%20Concorso%20Poesia.pdf
Articolo - commento

***
Contest letterario di Con i Bambini - scade il 30 settembre 2017
organizzato in collaborazione con 20lines, la community online di scrittori.
Si tratta di un concorso gratuito rivolto ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni, il cui filo conduttore è il tema delle fragilità degli adolescenti di oggi, con particolare attenzione a coloro che vivono in territori disagiati.
 
L'obiettivo non è solo far emergere uno spaccato sul mondo adolescenziale di questi giorni, con tutti gli ostacoli economici, sociali e culturali che impediscono ai ragazzi di sviluppare i loro talenti, ma soprattutto dare spazio al loro punto di vista sulla realtà. I promotori intendono raccontare, attraverso i ragazzi, la loro volontà di cambiare le cose, la creatività e i sogni che "nonostante tutto" non muoiono e cercano uno sbocco reale, per ridare centralità ai diritti degli adolescenti.
 
L'iniziativa rientra nell'ambito delle attività di promozione del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e si propone, anche, di facilitare il dialogo con la scuola e la famiglia, e con un pezzo di società che non presta loro la giusta attenzione, non li rende realmente partecipi e protagonisti del loro futuro o addirittura non si accorge di una generazione talmente fluida da risultare invisibile. In altre parole, cercando di dar vita a una "comunità educante" che possa dare delle risposte a una generazione che ha bisogno di costruirsi un'identità e avere un ruolo attivo e propositivo nella costruzione della società di domani.

La partecipazione al contest letterario è gratuita e aperta a tutti i ragazzi tra i 14 e i 18 anni che vivono in Italia.
Nel racconto devono emergere tre concetti che rappresentano altrettanti pilastri per costruire una società migliore con i ragazzi: periferie, povertà educativa, comunità educante.
A giudicare i lavori sarà una giuria di qualità, composta da scrittori affermati. In fase di selezione si terrà conto anche delle segnalazioni provenienti dalla community di 20lines, attraverso il numero delle preferenze online.
I racconti selezionati faranno parte di una pubblicazione e-book, scaricabile gratuitamente e distribuita alle istituzioni nazionali.
Gli autori dei racconti selezionati, inoltre, parteciperanno all'evento conclusivo del contest letterario a Roma, alla presenza di rappresentanti delle istituzioni, delle Fondazioni, del Terzo settore, delle scuole e dei ragazzi.

Per maggiori informazioni, il regolamento completo e i moduli da compilare www.conibambini.org/con-i-bambini-tutta-unaltra-storia/

***
Premio giornalistico nazionale PIEMONTE MESE, I giovani scrivono il Piemonte, XI edizione - Scade il 19 novembre 2017
Riservato a giovani fra i 18 e i 35 anni
AREE TEMATICHE:
Cultura, Storia, letteratura, arte e architettura, musica, teatro, scienza, tradizioni
Economia, Turismo, Ambiente
Impresa, artigianato, innovazione; prodotti e produzioni tipiche; paesaggio e natura;  enogastronomia

Ai tre articoli migliori di ciascuna sezione sarà conferito un premio di 500, 300 e 150 euro. A questi si aggiungeranno menzioni d'onore e ordinarie
Gli articoli vincitori e quelli menzionati saranno pubblicati su Piemonte Mese (Piemontemese.it) nel corso del 2018
La partecipazione è gratuita.

Regolamento e scheda d‘iscrizione sono scaricabili su www.piemontemese.it
si possono richiedere scrivendo a premio@piemontemese.it


***
Concorso letterario e fotografico "GIM, PALADINO DI UN SOGNO" - Scade il 30 novembre 2017
Il Concorso nazionale di narrazione "Gim, paladino di un sogno", giunto alla sesta edizione, riporta in primo piano il valore delle testimonianze delle persone che si confrontano con la malattia oncologica e rendono disponibile la loro esperienza con generosità e fiducia nel valore della narrazione condivisa.
La partecipazione sarà, come sempre, gratuita. Il bando è consultabile sul sito Internet della Fondazione Edo ed Elvo Tempia e sul Portale della nostra Azienda Sanitaria Locale, uniti nell'iniziativa, che raccoglie anche in questa occasione il sostegno di numerosi organismi scientifici e associativi della ricerca contro il tumore e del supporto ai pazienti oncologici e ai loro familiari. Gli elaborati dovranno pervenire alla Segreteria organizzativa del concorso entro giovedì 30 novembre 2017.

Rispetto alle edizioni precedenti, il Concorso presenta alcune novità, a partire dalla tipologia di opere in gara. La Presidente della Fondazione Edo ed Elvo Tempia, Viola Erdini Tempia spiega: "Abbiamo voluto dare spazio a una forma espressiva molto intensa, a un linguaggio che spesso sorprende nella sua potente universalità: la fotografia. L'intenzione, sulla base del successo delle esperienze vissute, è di dare voce anche a chi preferisce codici differenti dalla parola. Accanto a racconti e poesie, quindi, questa volta i giurati saranno chiamati a valutare e premiare anche immagini scattate dai partecipanti che sceglieranno questo strumento creativo".
Anche la traccia risulta rinnovata. "Spesso ci si riferisce al cancro ricorrendo a metafore, alcune delle quali diventate molto ricorrenti, forse consunte, nel linguaggio quotidiano e giornalistico, altre più stimolanti, nella loro capacità di stimolare la riflessione e la narrazione" - illustra il dottor Vincenzo Alastra, Responsabile della Struttura Semplice (SS) Formazione e Sviluppo Risorse Umane dell'ASL di Biella nonché Direttore Scientifico del Concorso - "Proponiamo tre metafore che pensiamo possano cogliere diverse dimensioni dell'esperienza di malattia e di cura: chiediamo, a chi desidera farlo, di raccontare il cancro come campo da gioco, come messaggero oppure come una nascita (o rinascita)".
Il Concorso si propone come aggregatore di narrazioni, anche al di là della competizione in senso stretto: ci sarà quindi modo di presentare anche opere "fuori concorso" che sviluppino ulteriormente le tematiche selezionate e offrano ulteriori suggestioni.
L'evento finale previsto per la premiazione sarà un contesto prezioso per alimentare il dialogo continuo fra malati, familiari e professionisti della cura attraverso gli strumenti della narrazione, come riportato nel Comunicato trasmesso dall'Addetto Stampa della nostra Azienda Sanitaria Locale.
INFO